Legge di Stabilità 2016: le novità per chi affitta

Torna a News

Legge di Stabilità 2016: le novità per chi affitta

La Legge di Stabilità 2016 ha introdotto una serie di interessati novità relative al settore immobiliare, e tra queste vi sono delle nuove regole riguardanti i contratti di locazione.

Anzitutto, la nuova normativa prevede che quando si stipula un nuovo contratto di locazione abitativa il locatore abbia l’obbligo di registrare tale operazione entro 30 giorni.

Il locatore, inoltre, ha 60 giorni di tempo per informare dell’avvenuta registrazione del contratto sia il suo inquilino che l’amministratore del condominio in cui si trova, appunto, l’unità abitativa proposta in affitto.

L’anagrafe condominiale è tenuto a conoscere esclusivamente il fatto che sia stata eseguita la registrazione di locazione, di conseguenza i dettagli del contratto di affitto non devono essere comunicati.

Se la registrazione del contratto non viene eseguita entro 30 giorni, come previsto dalla legge, il contratto tra le parti risulta essere del tutto inesistente, anche se scritto, di conseguenza il proprietario immobiliare che versa in questa situazione risulta a tutti gli effetti un locatore in nero.

Analogo discorso vale, ovviamente, per tutti i contratti stipulati verbalmente, allo stesso tempo i contratti che prevedono delle clausole differenti rispetto a quanto disposto dalla legge, come ad esempio una durata inferiore a quanto stabilito dalla normativa, non sono considerati validi.

Per contrastare l’evasione fiscale, inoltre, la Legge di Stabilità ha previsto una normativa specifica per tutti quei contratti che prevedono un canone superiore rispetto a quanto specificato all’interno del contratto.

Questo malcostume è piuttosto diffuso, ma oggi i proprietari immobiliari che tentano di aggirare il fisco tramite questa modalità corrono seri rischi: la legge, infatti, ha previsto che l’affittuario possa richiedere in qualunque momento della durata del contratto la restituzione di tutte le somme versate eccedenti rispetto a quanto prefissato nel contratto posto in essere.

 

Condividi questo post

Torna a News