Press & News

Parlano di noi & Aggiornamenti

Calamità naturali: l’idea di una polizza assicurativa obbligatoria

Con il terribile terremoto che ha recentemente colpito il Centro Italia si è ripreso a parlare della possibilità di istituire delle apposite polizze assicurative obbligatorie relative appunto agli immobili, seguendo un sistema piuttosto simile, nei suoi principi, a quello delle polizze RC Auto.

Questo modello è già presente in altri paesi, anzi si tratta di una formula piuttosto diffusa, e dal punto di vista pratico prevede che il cittadino, o meglio il nucleo familiare, paghi un premio periodico una compagnia assicurativa privata per assicurarsi questa copertura obbligatoria.

In caso di disastri naturali, dunque, a intervenire economicamente sarebbe la stessa compagnia assicurativa, ma solo entro un determinato limite: nel caso in cui i danni superino una soglia economica prefissata, infatti, interverrebbe lo Stato.

Relativamente a quest’opportunità i pareri sono discordanti: sicuramente a livello di senso comune una novità di questo tipo verrebbe percepita come un’ulteriore tassa, dunque non sarebbe accolta di buon grado da gran parte della cittadinanza, in realtà non bisogna dimenticare che tragedie come quella che è purtroppo accaduta nelle scorse settimane pesano allo stesso modo sull’intera nazione, basta ricordare infatti che lo Stato è solito finanziare emergenze di questo tipo tramite degli incrementi del prezzo della benzina.

Altri considerano un’eventualità di questo tipo molto interessante, anzi assolutamente opportuna per una nazione come l’Italia, in cui ben il 90% del territorio è esposto a rischio sismico.

Tra chi è favorevole all’introduzione di questa nuova assicurazione obbligatoria vi è Antonio Coviello, ricercatore presso l’Istituto di Ricerche sulle Attività Terziarie (IRAT) del CNR.

Coviello ha sottolineato come una soluzione di questo genere sia già riuscita a rivelarsi ideale in tante altre nazioni, e ha affermato che sarebbe opportuno riprendere a considerare seriamente questa possibilità; l’idea di istituire una polizza obbligatoria sulla sicurezza degli immobili è già stata discussa in più occasioni, l’ultima nel 2014, con Matteo Renzi già insediato al Governo, ma non è mai divenuta una realtà.

Se la nascita di polizze obbligatorie private di questo genere fosse realmente conveniente per i cittadini, e se si riuscisse a spiegar loro in modo chiaro che la sua introduzione è da intendersi come una riduzione delle tasse, piuttosto che come un aumento, in un paese a elevato dissesto idrogeologico come il nostro una novità di questo genere potrebbe rivelarsi davvero molto interessante.

 

Posted in: Altre Polizze

Leave a Comment (0) ↓