Press & News

Parlano di noi & Aggiornamenti

Archive for Come far per..

L’energia elettrica costa sempre più: come fare a risparmiare

L’energia elettrica costa sempre più: come fare a risparmiare

Anche nel mese di ottobre 2018, purtroppo, i prezzi di luce e gas subiranno degli aumenti, quantificati nel +7,6% e nel +6,1%.

Ad influire su questo trend decisamente poco positivo per il consumatore sono diversi aspetti: l’interruzione dell’attività dei reattori nucleari in Francia, ad esempio, oppure l’incremento dei prezzi correlati ai permessi per l’emissione di CO2 nell’atmosfera.

Ridurre al minimo i consumi energetici diviene sempre più importante, dunque, cerchiamo quindi di porre in evidenza alcuni comportamenti virtuosi i quali possono ridurre le spese e garantire, nel lungo periodo, un risparmio non indifferente.

Fare analizzare il proprio contratto di fornitura energetica

Anzitutto è necessario effettuare un’attenta analisi del proprio contratto di fornitura energetica, facendosi affiancare da un esperto, in modo da esser certi di non pagare più di quanto viene effettivamente consumato.

Realizzare un buon isolamento termico

Fare in modo che il proprio immobile sia contraddistinto da un buon livello di isolamento termico è fondamentale.

Rendere l’immobile più performante attraverso importanti ristrutturazioni può essere molto utile, ma non vanno trascurati aspetti strutturali meno complessi, come ad esempio la qualità dei serramenti e la correttezza della loro installazione.

Se gli infissi non sono validi, o anche se sono installati in modo inesatto, le capacità di isolamento termico dell’abitazione ne risentono in modo molto importante, per questo motivo è fondamentale accertarsi che non si verifichino situazioni simili.

Scegliere elettrodomestici delle migliori classi energetiche

Per ridurre i consumi è molto importante, inoltre, disporre di elettrodomestici a basso consumo, dunque appartenenti a classi energetiche elevate.

Questo suggerimento è valido per qualsiasi tipo di elettrodomestico, ma lo è in particolar modo per quelli di grandi dimensioni, come ad esempio il frigorifero, il quale è peraltro costantemente alimentato.

Un elettrodomestico appartenente a una classe energetica notevole può avere un prezzo superiore, ma nel lungo periodo sa garantire dei consumi ben più ridotti.

Usufruire degli incentivi fiscali

A tal riguardo è molto utile ricordare che sono disponibili delle vantaggiose detrazioni fiscali correlate all’efficientamento energetico.

Per quanto moltissimi italiani si chiedano come risparmiare, non tutti sono a conoscenza del fatto che è disponibile il cosiddetto Bonus Energia: quest’opportunità è davvero molto ghiotta per migliorare l’efficienza energetica della propria abitazione garantendosi, così, un importante risparmio.

Scollegare i dispositivi quando non vengono utilizzati

Un consiglio classico, ma sempre assolutamente attuale, è quello di evitare il cosiddetto consumo “silenzioso”, ovvero quello che vede protagonisti gli elettrodomestici inattivi, ma comunque connessi alla rete elettrica.

Caso emblematico è quello del televisore spento, ma comunque attivo in modalità stand by: si stima che scollegando tali dispositivi ci si possa garantire un risparmio energetico superiore al 10% dei complessivi consumi domestici.

Posted in: Come far per.., News

Leave a Comment (0) →

La nuova certificazione energetica

L’attestato di prestazione energetica (Ape) ha preso il posto dell’attestato di certificazione energetica (Ace) ed è tornato ad essere obbligatorio per tutti i trasferimenti immobiliari e in caso di locazioni.Il nuovo attestato ha inoltre un contenuto più ampio: non deve limitarsi a fornire all’utente una rappresentazione documentale dell’effettivo rendimento energetico dell’immobile ma deve anche elencare gli interventi che potrebbero migliorare l’efficienza energetica, proponendo quelli più significativi e convenienti..

Leggi Articolo

Posted in: Come far per.., News

Leave a Comment (0) →

Ecco come sospendere le rate se il mutuo pesa troppo sul reddito

Può capitare che il mutuo vada in testacoda. Ovvero che la rata diventi un peso troppo forte da sostenere. Perché nel frattempo (rispetto a quanto si è sottoscritto il contratto) le condizioni lavorative o di salute sono peggiorate. Per questo motivo l’Abi, l’Associazione bancaria italiana, di concerto con 13 associazioni dei consumatori, ha rinnovato per la quinta volta consecutiva il “Piano per le famiglie” che prevede la possibilità di chiedere la sospensione del pagamento delle rate del mutuo.

Leggi Articolo

Posted in: Come far per.., News

Leave a Comment (0) →